runeterra

Prima di cominciare con l’articolo, vorrei fare una breve precisazione: io adoro Magic. È uno dei miei giochi preferiti in assoluto. Tutte le critiche che muoverò verso MTG Arena non sono rivolte al gioco di per sé (nonostante debba ammettere che da War of the Spark in poi lo Standard sia diventato veramente un brutto formato e qui in questo articolo ce ne parla anche il Boss), ma all’economy e al software, dato che penso che entrambi avrebbero molto da imparare da Legends Of Runeterra.

Ed ora, che inizi il massacro!

Scroll of Origins

Benché sia diventato molto famoso, è bene precisare per chi non lo conosce cosa sia Legends Of Runeterra (LoR in breve): è il CCG sviluppato dalla Riot, la stessa azienda che ci ha dato giochi come TeamFight Tactics e League of Legends. LoR è basato proprio nel mondo di quest’ultimo, avendo quindi al suo interno campioni e ambientazioni provenienti da LoL. Il gioco è entrato in closed beta all’inizio del 2020, per poi essere rilasciato al pubblico qualche mese dopo.

Ora, se c’è una persona che devo ringraziare fortemente per avermi fatto conoscere LoR è Jeff Hoogland. Forse pochi di voi lo conosceranno, ma è un ex giocatore professionista di Magic che, dopo essersi inimicato la WotC per non lesinare le critiche ai suoi prodotti, si è dato allo streaming. Io e Jeff ci trovavamo nella stessa identica situazione alla fine di Maggio: entrambi eravamo riusciti ad entrare nei primi 1200 in Mythic nel mese scorso, ed entrambi eravamo terribilmente frustrati da quello che entrambi pensavamo essere lo standard peggiore di tutti i tempi. Sto parlando del periodo di Aprile-Maggio 2020, ovvero il periodo in cui nello standard vi era un solo mazzo da giocare: Yorion Fires of Invention con Agent of Treachery ancora legale e senza modifica alla regola dei Companion. Sia io che Jeff eravamo stati prontamente buttati fuori dal qualifier proprio per via di quel mazzo.

Un giorno, vidi Hoogland postare un video dove per prendersi una pausa dall’enorme frustrazione che era diventato il giocare su Arena, provò un gioco che io non avevo mai sentito: Legends of Runeterra.

Incuriosito, lo scaricai, tanto era gratis. Poi ci giocai. Poi continuai a giocarci. Ora sono qua a dirvi perché Legends of Runeterra è uno dei migliori giochi di carte disponibili sul mercato sia da un punto di vista di economy che da un punto di vista di interfaccia/user friendliness.

Conjured Currency

Partiamo dalle basi: come sono composte le valute di entrambi i giochi?

Su Arena abbiamo Monete (ottenute giocando e con le daily rewards), Carte Jolly (ottenute aprendo packs) e Gemme (ottenute pagando soldi veri o vincendole in eventi), mentre su Runeterra ci sono Shards (ottenute giocando e con le weekly rewards ed aprendo scrigni, l’equivalente dei packs), Carte Jolly (ottenute aprendo scrigni) e Monete (ottenute pagando soldi veri).

Fin qua, direte, è tutto molto simile, ma c’è una enorme differenza tra le economy dei due giochi: in LoR è possibile acquistare direttamente le carte che si desiderano, sia tramite Shards che tramite Monete. Inoltre, tutte le varietà di carte jolly (Comuni, Non Comuni, Rare e Campioni) sono acquistabili in-store ad un prezzo fisso. Questo vuol dire che, a differenza di Arena, dove bisogna grindare molto (specialmente se si è iniziato da poco a giocare) per costruire un singolo mazzo, una persona potrebbe decidere di comprare direttamente uno dei mazzi top-tier sin dal primo giorno, eliminando del tutto il concetto di grind da LoR. Inoltre, per via delle restrizioni di deckbuilding (un mazzo può contenere al massimo sei Campioni, la Jolly più costosa), spesso il costo di uno di questi mazzi si aggira attorno ai 20 €. Se una somma del genere può sembrarvi esosa, pensate a questo: con 20 € su Arena si può comprare il bundle da 3400 gemme, che vi permette come minimo di accedere a due draft da 1500 gemme (o quattro da 750), oppure di comprare 15 packs di una data espansione. Pensate sia possibile costruire un mazzo top-tier su Arena con quattro draft o 15 packs? Rispondo io per voi: assolutamente no. E questo perché l’economy di Arena è studiata per essere incredibilmente predatory, costringendo i giocatori (soprattutto i content creators) a sborsare un sacco di soldi se vogliono avere una collezione completa tramite l’acquisto di bundle costosi e il drop casuale di rare. Basta vedere questo video:

I Spent $1700 on MTG Arena This Year! | Is MTG Arena Too Expensive?

LINK AL VIDEO

Seth (probably better known as SaffronOlive) dice di aver aperto circa 150 packs di Kaladesh Remastered (comprando il bundle da 90 packs e aprendone altri 45 tramite monete/gemme rimastegli) e fa vedere i risultati da un punto di vista di rare/mitiche.

La cosa più triste? Dopo aver aperto tutti questi packs, non possiede neanche un set di Chandra, Torch of Defiance, probabilmente una delle carte migliori per il competitive, oltre a non possedere un set completo di NESSUNA mitica dell’espansione.

Di contro, vorrei citare Jeff Hoogland:

“L’unico problema dell’economy di Runeterra è che dopo è difficilissimo tornare ad economy predatorie come quelle degli altri CCG.”

Legends of Runeterra è un gioco che tratta i suoi giocatori (sia paganti che F2P) coi guanti, regalando il più possibile ad entrambi semplicemente attraverso il gioco stesso. Lasciate che mi spieghi: con ogni partita che si fa su LoR si ottengono XP (ottenibili anche tramite le Dailies) che vanno a riempire dei livelli (dall’1 al 15). Questi XP vengono accumulati per una settimana, ed ogni giovedì, in base al proprio livello, si ottengono diverse ricompense. Le più importanti sono, oltre a scrigni che contengono sia Shards che carte di diverse rarità migliori in base al livello a cui si arriva:

Livello 2+Gettone Spedizione
Livello 5+ Carta Campione Casuale
Livello 10+Carta Jolly Campione (al posto della Casuale)
Per ogni Livello oltre il 13Una capsula (essenzialmente un pack)

Le Spedizioni sono essenzialmente come i Draft, ed è possibile giocarvici per un prezzo ridicolo (2000 Shards).

Ora, immaginate se, su Arena, dopo aver giocato OGNI giorno e fatto le vostre 10 win (perché oltre le 10 win non si ottengono XP, mentre su Runeterra non c’è un limite massimo all’XP che si può guadagnare in una settimana), ogni settimana vi venisse regalato un Draft ed un Jolly Raro Mitico, oltre a vari packs. Sarebbe il sogno, no? Invece, ogni settimana, Arena vi premia con 15 vittorie da 250 XP per favorire il vostro progresso nel Season Pass.

Non sto scherzando quando vi dico che è veramente possibile costruirsi un mazzo S-tier diverso ogni settimana in Runeterra.

Riot Gear

Ora, a molti potrebbe sorgere spontanea la domanda: “Ma se Runeterra regala così tante cose ai suoi giocatori e permette persino di comprare direttamente le carte che si desiderano senza usare sistemi predatori come i packs, come fa a fare soldi?”. La risposta è tanto semplice quanto geniale: attraverso i cosmetics, parti non essenziali del gioco. Questi ultimi si possono comprare solamente con le Monete, ma non impattano per niente sull’esperienza di gioco da F2P, consistendo semplicemente in Emote, Sleeves, Pets e Plance di gioco. Ed anche qua la Riot non ha badato a spese e si vede.

Se Emote, Sleeves e Pets parlano da sole, il punto di forza sono decisamente le Plance di gioco. Oltre a modificare la vostra metà di campo trasformandola nello stile che preferite, cambiano anche la musica di sottofondo che sentite durante le partite. È così che, acquistando la Plancia di Bilgewater (la fazione “piratesca” del gioco), la musica del gioco diventerà un meraviglioso sea shanty che vi resterà nella testa per i giorni a venire, e che potete trovare qua:

Legends of Runeterra - Bilgewater Board Soundtrack

LINK AL VIDEO

Essenzialmente, la Riot ha preferito monetizzare tutto quello che non è essenziale ai fini della godibilità del gioco, favorendo l’acquisizione delle carte da parte del giocatore a scapito del proprio guadagno, e questa, al giorno d’oggi, è una delle mosse più coraggiose e (per quanta amarezza mi provochi l’ammetterlo) inaspettate del mondo dei CCG. Così inaspettata che anche io onestamente mi sono trovato spiazzato. L’unico motivo per il quale ho deciso di comprare la Plancia sopracitata (oltre al Bundle iniziale da 5 €) è per mostrare il mio supporto verso quest’azienda, dato che non mi sarei mai aspettato di avere una full collection dopo soli tre mesi di gioco più o meno assiduo. 

Certo, non si può paragonare la mole di carte presenti in MTG con quelle presenti in LoR, ma vi è un grosso dettaglio che a molti potrebbe sfuggire: quante delle carte attualmente presenti su Arena sono giocabili da un punto di vista competitivo? E quante sono carte pensate principalmente per il limited? La cosa che contraddistingue LoR da MTG è che in esso non vi sono carte “filler”: ogni carta è pensata per essere giocabile in uno o più archetipi o mazzi, pertanto si eliminano le carte inutili che riempiono le collezioni. Questo dettaglio è cruciale anche nel fatto che LoR è un CCG digitale e pertanto ogni carta può essere modificata per aumentarne o diminuirne il power level, portando ad un migliore bilanciamento dell’esperienza di gioco (cosa che in MTG abbiamo quasi ottenuto dopo un solido anno di ban in standard).

Implement of Improvement

Finiamo con la parte dolente di Arena: il software.

Non è un mistero che la WotC stampi letteralmente denaro, e in uno stream di quest’estate ha pubblicamente ammesso di non aver mai avuto un anno così redditizio dal punto di vista di vendite di prodotto e di gemme su Arena. Allora come mai MtG: Arena è un programma così terribile? Per farvi un esempio, io posseggo un laptop di media-alta fascia, e tuttora Arena ogni tanto tende a laggare ed a crashare improvvisamente. Di contro, non ho mai avuto un problema del genere con Legends of Runeterra. Anzi, citando le parole di uno spettatore della chat di Jeff Hoogland:

“Gira meglio Runeterra su cellulare che Arena sul mio PC da gaming.”

E questa è la perfetta descrizione della mia esperienza con Runeterra sia su telefono che su PC. Mai avuto problemi, ed il gioco fila liscio come l’olio, nonostante da un punto di vista grafico e di audio sia in tutto e per tutto superiore ad Arena. Inoltre, vi sono un sacco di quality of life improvements dai quali la WotC potrebbe prendere spunto. Ad esempio: vi è mai capitato accidentalmente di scambiare un Jolly per una carta che poi avete scoperto non servirvi? Su Runeterra, se non avete ancora usato quella carta in una partita, potete ridarla indietro per riottenere il Jolly che avevate utilizzato. Oppure, se andate su lor.mobalytics.gg, oltre a trovare un sacco di stats sui matchup e tier list con tanto di decklist annesse, potete semplicemente premere “push to client” per inviare in automatico la lista sul vostro account. Inoltre, Runeterra è semplicemente migliore da un punto di vista di immersion: ogni partita vi coinvolge nel mondo in cui è ambientato il gioco tramite interessanti e divertenti interazioni tra le carte. Fidatevi, su Arena non troverete mai una comune interagire con una mitica, proprio come, a riprova della cura che la Riot ha deciso di mettere nel gioco, non troverete nessuna animazione per Ulamog, the Ceaseless Hunger, mentre il Raggio di Lux ha ben TRE animazioni.

Mettendoci alle spalle il reparto grafico, come possiamo non parlare dell’assenza su Arena di una modalità Torneo ed una modalità Spettatore, entrambe cose promesse dalla Riot nell’ultimo roadmap di Runeterra? Ricordiamoci che è grazie all’assenza di queste che una cosa del genere è potuta accadere al Mythic Invitational di settembre:

Magic Arena Mythic Invitational - Girl Popup while commentating

LINK AL VIDEO

Nonostante Arena esista da quasi quattro anni, non ha fatto praticamente niente per migliorare la sua posizione quando si parla di competitivo, manca ancora moltissimo. Nel frattempo Runeterra, uscito quest’anno, ha già lanciato e sperimentato con successo i suoi primi tornei regionali e mondiali. A proposito, sapevate che l’Italia si è qualificata agli europei? Purtroppo abbiamo perso negli ottavi di finale contro il Portogallo, che poi si è portato a casa l’evento.

Fiery Conclusion

Penso che nel corso di queste 2000 parole sono stato abbastanza chiaro sul mio punto di vista: sotto tutti gli aspetti, di economy e di software, non c’è gioco. Runeterra mangia in testa ad Arena ogni giorno della settimana. E se non la pensate così, vi invito a scaricare LoR per provare di persona un CCG non predatorio veramente ben fatto. Il tutorial vi insegnerà benissimo le meccaniche di gioco, e, proprio come MtG, si tratta di un gioco facile da imparare ma difficile da padroneggiare. 

E, se dopo aver scaricato il gioco, ancora non siete d’accordo, fatemelo sapere! Voglio conoscere le vostre opinioni in merito. Da FlyingV è tutto!

Di FlyingV

Editor-in-Chief della sezione Runeterra.