Salve a tutti! Sono Edoardo Patterlini e ho ripreso da poco a giocare MtG cartaceo a livello competitivo Ho deciso di buttarmi sul formato Modern, che, sarò sincero, si sta rivelando parecchio divertente e stimolante.

UR Murktide – La lista

Sono sempre stato un accanito giocatore di Limited, quindi, non appena mi sono approcciato al formato due mesi fa, ho deciso di fidarmi delle liste ritenute più forti e partire un po’ dalle carte che avevo, ho montato UR Murktide e ho iniziato a partecipare immediatamente a tutti i tornei possibili (locali, MOLE, KoM).

Multiple sonore batoste mi hanno presto dimostrato quanto fosse ripida la curva d’apprendimento richiesta per giocare il mazzo, la quale premia non tanto sapere le interazioni possibili tra le nostre 75 carte, quanto conoscere approfonditamente anche il deck degli avversari.
A questo scopo mi sono messo a guardare alcuni giocatori di altissimo livello mentre pilotavano il mazzo online, e la lista da cui sono partito è quella usata da Andrea Mengucci in questo video.

Blood Moon

Ho deciso di non usare Archamge’s Charm e portare le Blood Moon di main perché ritengo che il mazzo non riesca sempre a permettersi di sfruttarli al meglio, essendo che giochiamo poche terre, e ho preferito usare i miei due pick a 3 per darmi la possibilità di chiudere istantaneamente una partita piuttosto di lanciare un Cancel o una Divination a velocità instant.

Heavy light flooded across the landscape, cloaking everything in deep crimson“.


A questo proposito, ho deciso di affidarmi ad un solido piano Blue Moon anche post sideboard, giocando 2 Magus of The Moon, per aiutarmi a strappare MU piuttosto ardui, e per mettere dei bei bastoni tra le ruote a chiunque volesse provare a fare cose strane con le terre.
A parte per la terza Relic Of Progenitus (che ritengo il miglior strumento contro diverse strategie unfair con il cimitero), Il resto della Side è piuttosto standard, giocando un numero inferiore di magie blu ho lasciato a casa le Force of Negation, e devo dire che ho avuto parecchio fortuna nell’incontrare avversari contro i quali la mia strategia ha pagato.

Il Torneo Medio

Innanzitutto devo sottolineare come tutti gli avversari che ho sfidato siano stati estremamente simpatici e gentili, e segnalo l’organizzazione del torneo per l’ottima atmosfera positiva che ho respirato all’evento, detto questo, ecco come sono andati i turni.

UR Murktide 2-1

Inizio il torneo con un bel mirror, un matchup che può prendere diverse vie e in cui risolvere un Murktide Regent enorme è spesso decisivo, con le Lune ho 2 carte praticamente morte nel Main, ma giochiamo comunque un bel Game 1, che perdo dopo che 3 delle mie Expressive Iteration si scontrano con 2 Spell Pierce e 1 Counterspell del mio avversario.
Inizio G2 riuscendo ad appoggiare una minaccia protetta da counter
(Flusterstorm fondamentale) mentre l’avversario manca land drop, e porto a casa anche G3 grazie a un Ragavan, The Nimble Pilferer che gira una Relic of Progenitus e 1 Dragon’s Rage Channeler dal mazzo dell’avversario, il che mi permette di chiudere con un Murktide Regent gigantesco sopra una sua Chandra, Awakened Inferno, arrivata tardi.
Personalmente ritengo la Planeswalker una carta che costa troppo mana per un mazzo che gioca 18 terre, non ho mai pensato di giocarla, ma contro UW Control potrebbe rivelarsi molto utile
.

Sideboard:
-2 Spell Pierce -2 Blood Moon -2 Counterspell(On The Draw)
+2 Flusterstorm +2Mystical Dispute +2 Fuyr(On The Draw)

UW Control: 2-1

Solitamente un Matchup difficile ed estenuante, il primo Game segue questa linea in un continuo scambiodi risorse, lungo il quale l’avversario riesce comunque ad accumulare vantaggio con gli Archmage’s Charm e
fare i suoi land drop.
Il turno che si rivela decisivo è a seguito di un mio cast di Murktide Regent 7/7, il mio avversario prova a risolvere Teferi, Hero of Dominaria, uso Counterspell che viene neutralizzata in risposta, e il mio Murktide finisce terzo dalla cima, uso la mia ultima carta in mano, un Unholy Heat che prendeva polvere, per eliminare Teferi.
Con il mio avversario a tre carte in mano, ma un solo mana open, penso che ho solo
questo turno per topdeckare una Blood Moon e avere una minima possibilità di vincere.
Succede
Il mio avversario non aveva terre base in campo, e dopo che ripesco il Murktide vinco la partita.
G2 mi imbatto in un calice a 1, anche con Blood Moon in campo uno [mtg_cad]]Snapcaster Mage[/mtg_card] risolve la partita molto lentamente attaccandomi a morte.
G3 sfrutto il Dash di Ragavan per fare tutti e 20 i danni, imparando anche che non posso usare il Calice del Vuoto a 0 per impedire il cast di un Calice a 1, nonostante il missplay clamoroso pesco i counter necessari e pure quelli di riserva per permettere a Ragavan di chiudere la partita all’ultimo turno addizionale.

Sideboard:
-4 Unholy Heat -2 Lightning Bolt -2 Murktide Regent

+2 Mystical Dispute +2 Flusterstorm +2 Magus Of The Moon +1 Jace, The Mind Sculptor +1 Engineered Explosives

Amulet Titan 2-0

Ho la fortuna di evitare una sua partenza unfair, e con tre Counterspell neutralizzo il mondo.
Al resto ci pensa Blood Moon e vinco così G1, G2 insieme a Blood Moon arrivano anche i Magus of the Moon, e non c’è molta partita.

Sideboard:

-4 Lightning Bolt
+2 Dress Down +2 Magus Of The Moon

Dredge 2-1

L’avversario mulliga a 5 la prima partita, noto subito che non gli dispiace troppo e immagino quindi giochi qualcosa simile a Dredge.
Non mi sbaglio.
Neutralizzo una sua Cathartic Reunion e grazie al suo mulligan
riesco facilmente a portare a casa la prima partita. Nella seconda provo a restare in gioco fino all’ultimo ma mi devo arrendere alla mole del suo board, e dei 12 danni fatti dai Creeping Chill (imparo anche una cosa
nuova su questa carta, non posso neutralizzarla visto che è un’abilità).
G3 ho la fortuna di vedere tre Relic of Progenitus, che mi aiutano a chiudere una partita contro un mazzo con cui ho sempre avuto difficoltà.

Sideboard:

-4 Unholy Heat -2 Blood Moon -1 Lightning Bolt

+ 3 Relic Of Progenitus +2 Fury +2 Flusterstorm

Temur Rhinos: 0-2

Purtroppo G1 non riesco a fermare la puntuale cascata del mio avversario che mi porta a fronteggiare 2 4/4 a turno 3, infatti la risolve dopo aver usato Fire/Ice nel mio turno per bloccare il mio mana blu, non giocando gli Archmage’s Charm la partita è quindi compromessa e pago a caro prezzo le mie scelte dideckbuilding.
G2 l’avversario mulliga e ce la giochiamo, riesco a sfruttare una Fury per andare in vantaggio ma poi pesco 3 Reggenti in fila e perdo da un topdeck di Brazen Borrower.
Sinceramente con questa lista mi sono sentito molto sfavorito, complimenti comunque a Paride, il mio avversario, che andrà poi a fare Top8.

Sideboard:

-4 Lightning Bolt -1 Unholy Heat -2 Blood Moon
+1 Engineered Explosives +2 Fury +2 Mystical Dispute +2 Flusterstorm

UW Hammer 2-1

Iniziamo G1 con io che tengo una mano bruttina ma sistemabile grazie a 3 Consider, il mio avversario mi propone 2 Esper Sentinel che protegge con Blacksmith’s Skill dal mio Unholy Heat.
In poco tempo vengo attaccato per 10 danni Infect e andiamo post-side, dove Dress Down e Magus of The Moon si rivelano provvidenziali per gestire le [tmg_card]Urza’s Saga[/mtg_card] del mio avversario.
G3 l’oppo mulliga e vedrà 3 Sigarda’s Aid, tra buone girate di Ragavan (Ago spinale che chiama martello) e Fury+Esplosivi, riesco, all’ultimo turno
addizionale, ad aggiudicarmi la partita.

Sideboard:

-4 Counterspell -2 Blood Moon -1 Spell Pierce
+2 Fury +2 Dress Down

Grixis Shadow 2-0

Vinco il tiro dado e mi tengo open il primo turno, riuscendo a uccidere il suo Ragavan immediatamente per poi appoggiare il mio protetto da Spell Pierce il secondo turno, il mio avversario non vede molte carte buone (mi lancia 0 scartini) e concede ad un Murktide 7/7 piuttosto in fretta.
Anche in G2 Ragavan si dimostra fondamentale, facendomi giocare un Dragon’s Rage Channeler del mio avversario e un’Inquisition of Kozilek, notevole anche un Unholy Heat su Kroxa che ottiene delirio grazie al surveil della suddetta Channeler, insomma, il match del torneo che gira nel verso più facile grazie a diverse combinazioni astrali.

Sideboard:

-2 Spell Pierce -2 Counterspell
+2 Fury +2 Flusterstorm

Mono G Tron 1-1

Feature Match contro Davide De Rosa (qui circa al minuto 31), partita molto interessante in cui il mio avversario fa una serie di bellissime giocate come far ritorcere la mia Blood Moon contro di me, consiglio a chiunque interessi Tron di dare un’occhiata alla partita, sicuramente qualche errore l’ho fatto vista la stanchezza, ma in generale non posso lamentarmi dell’esperienza.

Conclusioni

È evidente che ho ancora molto da imparare sul formato, il risultato ottenuto è stato sicuramente aiutato dai pairings (non ho mai dovuto affrontare 4c) e soprattutto dai tiri dado, che ho perso solo in 2 partite su 8, per come è il formato al momento, essere on the play incide significativamente sulle possibilità di vittoria.
Il mazzo regala molte soddisfazioni e premia le giocate fini, restando sempre estremamente divertente da giocare, se ci sono comunque 56 carte fisse nella lista stock, il resto può essere adattato al meglio in base al meta che ci si aspetta e alle preferenze personali, risultando in un mazzo flessibile e che propone sempre molte scelte interessanti.
Per il prossimo futuro intendo continuare a testare Modern il più possibile, il rischio di commettere errori e pagarli cari è molto alto con il mazzo, ed il formato propone tantissime opzioni che richiedono una conoscenza approfondita delle carte e delle regole, e su questo intendo lavorare.

Grazie a chiunque abbia voluto leggere questo resoconto, e alla prossima (si spera)!

P. S. Ricordate di vincere i tiri dado per iniziare!

Di Edoardo Rosadini

Fondatore del Giocatore Medio Di Magic e di tutti i gruppi ad esso annessi ma soprattutto giocatore di Magic! Ho iniziato a giocare a Magic relativamente presto ma competitivamente parlando solo da 4 anni. Ho raggiunto la qualifica ad un Pro Tour ed sono il vincitore della quattordicesima edizione dell'Ovino Modern! Prediligo mazzi Midrange e sono un fan delle mono - copie nei mazzi!