Giocatore medio - Magic the Gathering Articoli, Mazzi, e Strategia

M21 Limited Review: Blue

Autore ArtieStark
il 09-07-2020

Condividi questo Post

Seconda puntata di Limited Review per M21, e come ogni secondo episodio che si rispetti, oggi tocca ovviamente al Blu.

Solito promemoria sul sistema di valutazione, prima di cominciare:

0-1 Carte perlopiù ingiocabili, spesso ve le ritroverete comunque nel fondo della busta e spererete di non essere costretti a includerle nelle 40

1.5 Tappabuchi per quando non c’è niente di meglio da prendere nei vostri colori, aiutano a riempire la curva di mana

2-2.5 Solide scelte. Niente di speciale, ma ogni mazzo in limited è composto principalmente da carte con questo punteggio

3-3.5 Ottime carte, estremamente efficienti rispetto al proprio costo di mana. La maggior parte delle rimozioni, creature con validi effetti Enter The Battlefield capaci di indirizzare l’andamento di una partita in favore di chi le gioca o con statistiche nettamente superiori alla media.

4-5 Bombe assolute. Carte in grado di ribaltare completamente una partita, vincere da sole una volta risolte e per cui conviene seriamente valutare uno splash o un cambio di colori.

E ora, diamoci dentro!

– Teferi, Master of Time – 4.0

Ritorna il planeswalker più amato degli ultimi anni, anche questa volta con il classico setup “+x fa qualcosa, -x si protegge” e una ultimate decisamente interessante. Mettere in fase una creatura avversaria non è uno dei modi migliori per risolvere un problema e fare looting ogni turno in limited è probabilmente il modo migliore per perdere di self-mill se non abbinato ad altre carte come Teferi’s Tutelage o una grossa bomba da cercare nel mazzo, ma pur non avendo un impatto devastante sul breve termine, questo Teferi rende decisamente bene nelle partite più lunghe e se protetto per tre turni consecutivi, difficilmente non riuscirà a farci vincere grazie al suo -10.

– Discontinuity – 1.5

Questa carta è già abbastanza difficile da giocare in constructed, figuratevi in limited. Consideratelo un misto fra un counterspell e un fog effect con alcuni vantaggi a seconda della situazione, ma con un costo molto specifico nel turno avversario ed estremamente ridotto nel proprio.

– Barrin, Tolarian Archmage – 3.0

Una versione migliorata di Aether Adept a una rarità decisamente superiore. Di interessante c’è la possibilità di pescare rimbalzando un nostro pezzo e di liberarsi facilmente di aure avversarie offensive come Faith’s FettersCapture Sphere o il fortissimo Enthralling Hold (qui ci ritorniamo più avanti).

– Gosthly Pilferer – 3.0

Drop a 2 valido in qualunque momento della partita, evasivo e valido mana sink durante i turni più avanzati. I suoi tipi di creatura hanno alcune sinergie minori con altre rare del set, ma la cosa risulterà difficilmente rilevante.

– Pursued Whale – 3.0

7 mana sono veramente tanti, per cui consiglio di giocare questa creatura in mazzi UG in grado di manipolare molto il mana o UB reanimator per rimetterla in gioco dal cimitero. Si tratta comunque di una balena dalle dimensioni notevoli, non facile da rimuovere e capace di far schiantare il board avversario contro sé stessa e si spera altri ciccioni pronti alla difesa subito dopo essere entrata in campo.

– See the Truth – 1.0

Anticipate ma più scarsa. Difficile trovare una collocazione a questa carta in limited, soprattutto data l’assenza di sinergie nel set.

– Shacklegeist – 3.0

2/2 volante a costo 2 è il tipo di creatura che gioco più che volentieri in limited, l’incapacità di bloccare non è molto rilevante e la sinergia con altri spiriti può tornare utile nelle fasi più avanzate della partita sia difensivamente che offensivamente.

– Stormwing Entity – 3.5

A costo 5 staremmo comunque parlando di una creatura più che valida, ma questo elementale entra facilmente di terzo con un Opt o uno Shock, ha un ETB rilevante e rappresenta una minaccia impossibile da ignorare per qualunque avversario.

– Sublime Epiphany – 5.0

Vi avevo promesso un 5 a puntata, no? Oggi tocca a questo swiss-army knife che ci assicura un minimo di un counterspell e una pescata, a cui frequentemente si aggiungono un rimbalzino e il duplicare la nostra creatura migliore. La possibilità di annullare un’abilità è sicuramente meno rilevante, almeno finché non ci ritroveremo contro un planeswalker pronto a utilizzare la sua ultimate e un avversario completamente ignaro di quello che sta per succedere.

– Teferi’s Ageless Insight – 2.0

Questo incantesimo richiede un mazzo dedicato e ricco di peschini per risultare effettivamente rilevante. Purtroppo la mia impressione è che il formato sia troppo veloce per permettersi di passare un turno quattro senza fare nulla di immediatamente rilevante; non ho dato un punteggio più basso perché allo stesso tempo ho la sensazione che qualcosa di decente ce lo si possa combinare.

– Enthralling Hold – 4.0

Immagino vi aspettaste il solito discorso sulle aure, e invece no! Per 5 mana rubare un pezzo avversario è una mossa dal sicuro impatto in limited, soprattutto in un formato in cui ogni colore ha una o più bombe capaci di trascinare un intero mazzo alla vittoria. Il lato negativo è che la creatura rubata probabilmente avrà attaccato almeno una volta per poter giocare questa carta, e resterà tappata fino al nostro turno successivo, ma si tratta sicuramente di una delle migliori uncommon dell’intero set.

– Jeskai Elder – 2.0

La nonnina picchia come un fabbro nel mazzo giusto, ma anche in uno shell non esattamente dedicato si tratta di un drop a 2 interessante con un combat trick integrato e capace di fornire un minimo di selezione carte attaccando.

– Miscast – 0.5

Materiale da sideboard in constructed come in limited, da inserire solo contro mazzi particolarmente poveri di creature o ricchi di rimozioni.

– Rain of Revelation – 3.0

Pescare tre carte vale spesso più di tre mana, a instant speed non è assolutamente da sottovalutare e scartare una carta non dovrebbe avere molta rilevanza in questa situazione. Si combina molto bene con mazzi ricchi di istantanei (qualcuno ha detto counterspells?) per cui terremmo aperto il mana nel turno avversario ugualmente.

– Rewind – 1.5

Counterspell a 4 mana non sono quasi mai giocabili. Non fatevi attirare dall’effetto di stap, perché se non avete un modo di utilizzare immediatamente quel mana stappato, non c’è proprio alcun motivo di giocare questa carta.

– Riddleform – 3.0

L’abilità di scry è decisamente rilevante nel late game e questo incantesimo rappresenta una creatura in grado di saltare fuori nel momenti meno opportuni per i nostri avversari, facendo blocchi a nostro favore o tre danni difficili da fermare, restando nel frattempo al riparo dalle rimozioni.

– Sanctum of Calm Waters – 2.0

Il santuario di oggi è uno dei più efficienti del ciclo. Purtroppo non impatta assolutamente il board nel turno in cui verrà giocato, ma poter fare looting ogni turno si combina bene con svariate altre carte del set. Questo non vuol dire che sia il caso di prenderlo a prescindere, assicuratevi di avere un piano per sfruttarlo prima di inserirlo in qualunque mazzo.

– Shipwreck Dowser – 3.0

Altra creatura minacciosa con appiccicato un ETB assolutamente rilevante. 5 mana ben spesi in un mazzo con una manciata di istantanei e stregonerie rilevanti.

– Teferi’s Tutelage – 2.5

Con Sphynx’s Tutelage, ma dopo Throne of Eldraine sembra che mill in limited sia nuovamente realtà. Ogni copia successiva di questo incantesimo aumenta di valore e i peschini non scarseggiano in questo set, rendendo la strategia particolarmente minacciosa.

– Tide Skimmer – 2.5

Questo volante stava riuscendo nell’impresa di trasformare una partita per me inizialmente facile in un incubo di vantaggio carte a favore del mio avversario. Più volanti sono presenti nel mazzo, più il voto sale, fino a un solido 3.5 in UW, a maggior ragione se accompagnato dalla uncommon in quella combinazione di colori.

– Tolarian Kraken – 2.5

Come già detto, il blu è particolarmente forte nel pescare carte in M21 e questo calamaro ci fornisce un valido payoff per la meccanica. Che si tratti di tappare una minaccia avversaria, un bloccante o stappare sé stesso per un blocco a sorpresa, non dovrebbe essere un problema tenere uno di mana aperto in più dopo aver giocato una creatura così costosa.

– Unsubstantiate – 2.5

Un misto tra Unsummon e Cancel sia per il costo che per l’effetto. Rimbalzare un permanente o una spell in limited è decisamente meglio di quanto possa essere in constructed, ed è il tipo di effetti che rientra fra le rimozioni dedicate al blu.

– Waker of Waves – 3.0

Il costo è particolarmente elevato, ma l’abilità statica è particolarmente fastidiosa per ogni mazzo aggro e la attivata è una sorta di cycling migliorato (se avete seguito la nostra guida al limited di Ikoria: Lair of Behemoths sapete bene quanto cycling su una creatura costosa ne aumenti incredibilmenteil valore). Inoltre scartare sé stesso si combina bene con eventuali strategie reanimator e le statistiche non permettono di arginare questa creatura senza una rimozione adeguata.

– Cancel – 1.5

Il counterspell più classico che potessimo trovare, purtroppo nel resto del set scarseggiano i modi per sfruttare il mana tenuto aperto nel turno avversario nel caso si decida di non giocare questa carta, da cui il voto basso. In aggiunta i mazzi più efficienti sono aggro dalle creature particolarmente economiche, strategia contro la quale questo piano di gioco perde molto di efficacia.

– Capture Sphere – 2.5

Inizio ad essere un po’stufo di questo incantesimo come rimozione blu, ma sembra proprio che Wizards of the Coast abbia deciso di ristamparlo più frequentemente possibile. Nonostante il mio fastidio però si tratta di una risposta istantanea più che valida per qualunque creatura, forse un po’più debole del solito in M21 dato l’alto numero di carte per spaccare incantesimi, proteggere la creatura in risposta o sacrificarla limitando i danni.

– Frantic Inventory – 1.5

Sicuramente qualcuno riuscirà a raccattare 7 copie di questa carta e montare un mazzo folle con payoff come Teferi’s Tutelage, ma la prima ha un effetto decisamente pessimo e in genere se dovessi vederne qualcuna in un mazzo medio lo considererei un segnale che qualcosa è andato male durante la fase dei pick.

– Frost Breath – 2.0

Molti sembrano disprezzare questo istantaneo, ma sinceramente non lo vedo messo poi così male. In Ikoria: Lair of Behemoths ho vinto più di qualche partita castando un Frostveil Ambush al momento opportuno e in questo caso il costo è meno specifico e più contenuto. Magari sbaglio ed è solo l’effetto nostalgia di M13 a parlare al posto mio, ma in limited mi sembra una giocata tempo più che passabile e un mazzo aggressivo può facilmente essere trascinato verso un endgame sfavorevole con una o due copie di questa carta.

– Keen Gildemaster – 2.5

Valido drop a 2. Nel peggiore dei casi può sempre lanciare in aria sé stesso, altrimenti rende le nostre creature evasive o limita l’evasività di quelle avversarie.

– Library Larcenist – 2.5

Thieving Otter era una comune a cui dare priorità in Ikoria: Lair of Behemoths. In M21 purtroppo non abbiamo mutate ma la cosa è stata bilanciata spostando l’effetto alla semplice azione di attacco. Ci sono svariati modi per rendere questo tonno volante senza doverlo schiantare contro i bloccanti avversari, ma ogni tanto anche quella opzione non sarà poi così male.

– Lofty Denial – 2.0

2 mana è il costo che voglio leggere sui miei counterspells. Questo ferma ogni spell giocata in curva e diventa notevole se abbinato a una manciata di creature volanti.

– Mistral Singer – 2.5

Non ho avuto il dispiacere di vedere questa creatura operare contro di me perché appena me la ritrovo contro la rimuovo immediatamente. 2/2 volante sono delle stats per cui in limited siam tutti ben felici di spendere 3 mana, in questo caso si tratta facilmente di un 3/3 o un 4/4 a discrezione del controllore e sicuramente una delle comuni migliori del formato.

– Opt – 1.5

Solito tappabuchi in assenza di combo; in presenza di payoffs per un peschino o un qualunque istantaneo/stregoneria diventa più che utile invece, ed è facile trovargli 1-2 spazi nel mazzo.

– Read the Tides – 2.0

6 mana sono tanti, ma questo istantaneo fornisce flessibilità fra pescare ben tre carte e fare una doppia rimozione su pezzi avversari (anche salvare uno dei nostri da una rimozione è una possibilità). Il costo specifico è irrisorio, per cui in mazzi capaci di accelerare rapidamente il mana si tratta di una carta decisamente più performante.

– Roaming Ghostlight – 3.0

Il nostro nuovo articolista Simone in questo pezzo sul limited ha parlato del suo amore per questa carta, che in effetti non è da sottovalutare nonostante il costo. Spirito, volante, 3 di attacco, bounce effect tutti insieme li valgono quei 5 mana, soprattutto a comune. Muore di Shock, ma grazie all’ETB non si tratta comunque di mana sprecato.

– Rookie Mistake – 0.5

Il combat trick ideale aumenta le statistiche di una nostra creatura o riduce quelle avversarie consentendoci di far sopravvivere il nostro pezzo allo scontro con uno avversario, o di impostare un trade a nostro vantaggio. Questa carta non fa nessuna delle due cose, prevalentemente permette a una nostra creatura di sopravvivere a uno scontro svantaggioso, ma si tratta di uno slot sicuramente sprecato.

– Rousing Read – 2.5

Ultimamente le aure mi deludono meno del solito: questa ha un ETB e fornisce sia un bonus in statistiche che un’abilità evasiva per un costo ragionevole. Le creature nel set che gradiscono questo tipo di effetti sono decisamente numerose.

– Spined Megalodon – 2.5

Il terzo “pescione” del set fa anche lui la sua bella figura. Anche qui 7 mana sono molti ed è preferibile giocarlo in ramp o reanimator, ma hexproof è oscenamente forte in un set privo di mass removal e poverissimo di effetti che facciano sacrificare pezzi avversari. Scry 1 ogni turno è ulteriormente rilevante, insieme alla possibilità di far fare il salto di qualità definitivo alle nostre aure ( in particolare Setessan Training e Rousing Read )

– Teferi’s Protege – 2.0

Solito looter in blu, questa volta con statistiche migliori del solito che lo rendono un valido bloccante. Sinergizza bene con le altre carte a tema Teferi, in particolare Teferi’s Tutelage.

– Tome Anima – 2.0

Pescare una carta aggiuntiva ogni turno a questo punto la diamo quasi per scontata come cosa, soprattutto dal turno 5 in poi. Non darei assolutamente priorità a questa carta, ma riempie un buco nella curva di mana e può finire un avversario nonostante questo sia riuscito a stabilizzare il board a suo favore.

– Vodalian Arcanist – 2.0

Bloccante con un po’di ramp fuori dal verde. Read the Tides e Sublime Epiphany gradiscono particolarmente la sua compagnia.

– Wall of Runes – 0.5

Certe cose difficilmente cambiano, quindi immondizia in War of the Spark resta immondizia in M21.

– Wishcoin Crab – 1.0

L’attacco medio delle creature di M21 è abbastanza basso, quindi il granchio può effettivamente fare da bloccante in mazzi principalmente difensivi, anche se personalmente preferisco uno stile di gioco più proattivo in limited a meno di non avere un endgame plan estremamente consistente al punto da sopportare di giocare carte di questo tipo.E anche per oggi abbiamo finito, prossima puntata tocca al nero!
Qui i link per gli episodi precedenti:

– M21 Limited Review: White



LIVE ORA! Cliccare per Vedere
Al momento Offline