Dopo il mio ultimo articolo in cui comparavo Arena a Runeterra(QUESTO) sempre più persone mi hanno detto li abbia spinti a provare.
Pertanto ho pensato di scrivere una breve guida introduttiva a Runeterra.
Spiegherò rapidamente come ottimizzare la crescita della collezione sin dall’inizio includendo qualche consiglio sul gioco per i novizi e non, sperando possa tornarvi utile.

L’avventura ha inizio

Avviando la vostra prima sessione di gioco di Runeterra, vi sarà presentato un breve tutorial dove vi verranno spiegate le basi del gioco:

  • Struttura dei turni
  • Priorità
  • Sistema del mana ecc ecc.

Queste sono le basi che contraddistinguono Runeterra dagli altri CCG(Collectable Cards Games) come MtG ed Hearthstone: è evidente che i designer della Riot hanno giocato a lungo ad altri CCG, prendendo da essi solamente le parti più divertenti del gameplay.

Uno dei punti di forza di Runeterra, infatti, è la quasi totale assenza di Garbage Time. È come quando siamo all’ottantesimo di una partita di calcio dove stiamo vincendo 5-0. In Runeterra questo non succede grazie alla struttura dei turni: entrambi i giocatori svolgono il proprio turno contemporaneamente (quindi entrambi all’inizio del proprio turno ottengono mana e pescano), ma solo uno dei due può attaccare (o “possedere il gettone d’attacco”). Il flusso più elevato di carte pescate porta a partite molto più interattive e combattute, dando sempre al giocatore in svantaggio la possibilità di pescare uno dei suoi out.

Il Sistema del mana

Il sistema del mana è una variante di quello di Hearthstone (ogni turno si ottiene una gemma di mana), ma con una differenza!
Infatti alla fine di ogni turno, se abbiamo del mana non speso nella nostra riserva, fino a tre di esso verrà convertito in mana incantesimo.
Questo mana, infatti, sarà disponibile solo per lanciare incantesimi all’inizio del proprio turno
Ciò significa dire che non solo non siamo costretti a spendere tutto il nostro mana ogni turno ma che possiamo conservarlo per ottenere nuovi incantesimi.

Una volta che queste cose vi verranno spiegate più a fondo nel tutorial e vi trovate nel menù principale, il primo consiglio che vi do è di cliccare su Gioca e di completare le Sfide:

Queste sono brevi scenari che servono a spiegarvi le meccaniche presenti all’interno del gioco. Inoltre, esse regalano Esperienza, permettendovi subito di accrescere la collezione.

Il Viaggio Continua

Una volta completato il prologo e riscosso le ricompense per il login, andando su Ricompense noterete che sono presenti tutte le regioni che si trovano nel gioco. Le ricompense servono a premiare le vostre partite con scrigni, jolly e carte di quella regione: funzionano essenzialmente come la Mastery di Arena.
A differenza di Arena, però, Runeterra è un gioco che premia veramente il giocatore per il tempo investito su esso, non solo per il fatto che non c’è un limite massimo all’EXP che si può ottenere in un solo giorno (mentre su Arena sono solo le prime 15 win del giorno a dare EXP), ma anche perché le ricompense della regione prevedono Jolly come Campioni e copiose quantità di carte che Runeterra vi butterà addosso.

Le Ricompense di Runeterra


Il consiglio che do a tutti quelli che iniziano è lo stesso: fatte le Sfide, giocate contro l’AI con i mazzi precostruiti .
Questo vi permetterà di capire meglio lo stile di gioco migliore per voi, così da impostare la regione delle ricompense su quelle che preferirete.
Per massimizzare subito la propria collezione bisogna sfruttare il fatto che quasi tutte le regioni fino al dodicesimo livello prevedono un bonus del 50% all’EXP che otterrete e che la Capsula contenente il Campione si trova al livello 8.
Consiglio di iniziare una regione, arrivare al livello 8 per poi cambiare in modo tale da sbloccare più carte possibili.
Così facendo un mio amico che ha iniziato da nemmeno mese, giocando ogni giorno, è riuscito a craftarsi un mazzo Tier 1 dopo una settimana.
Cosa veramente difficile da fare su altri giochi quali Arena o Heartstone.

Draft Gratis

Alla fine della prima settimana, dopo aver raccolto varie ricompense giornaliere per il login (che comprendono anche un gettone Spedizione, ovvero un draft) vi verrà regalato anche un mazzo con all’interno un paio di Campioni e, ogni giovedì, otterrete le ricompense del forziere. Quest’ultimo migliora in base all’EXP che avete ottenuto durante la settimana, e potete vederne il progresso dal menù principale:

Il mio consiglio è di arrivare ogni settimana almeno al livello 10, così da ottenere gratuitamente un gettone spedizione ed un Jolly Campione.
Anche qua non c’è un limite massimo al livello che si può raggiungere, ma gli scrigni migliori si ottengono al livello 13. Ogni livello dopo di esso vi regalerà una capsula extra quando aprirete il forziere, andando ad avere in poco tempo una grande collezione!

Una volta che avrete preso abbastanza confidenza col gioco, vi invito ad andare su lor.mobalytics.gg: qua potrete trovare centinaia di decklists e persino un breakdown del meta attuale con tanto di divisione in Tier dei vari mazzi. Se cliccate su uno di questi mazzi, vi verrà fuori una schermata del genere, dove verranno elencate le carte delle varie rarità che compongono il mazzo ed il suo prezzo in Frammenti:

Pillole per Runeterra

Conclusi i consigli per l’ampliamento della collezione, è ora di passare a qualche consiglio concreto da applicare durante le vostre partite.

Limiti

Partiamo dai limiti: in Runeterra non è possibile andare sopra i 20 punti vita. Quindi, nel caso giochiate lifegain, è bene sapere quando usarlo in maniera tale da ottimizzarlo per evitare di “sprecare” punti vita guadagnati.
Non è inoltre possibile avere più di 10 carte in mano: ogni carta che aggiungerete alla vostra mano dopo la decima verrà bruciata. Se, quindi, alla fine di un turno vi trovate con 10 carte in mano, è meglio giocare qualcosa in maniera tale da poter avere spazio nella mano per la pescata del turno successivo.

Si possono avere massimo 6 tra unità e monumenti sul campo: ogni unità o monumento che vorrete giocare oltre il sesto dovrà “sovrascrivere” qualcosa. Se abbiamo quindi già un board pieno e vogliamo giocare qualcos’altro è meglio essere aggressivi sia con gli attacchi che con i blocchi, in maniera tale da liberare dello spazio che poi non sprecheremo.

Attacco rapido – Sopraffare

A proposito di attacchi e blocchi, parliamo di due keyword simili a quelle di Magic ma con qualche differenza: Attacco Rapido e Sopraffare. La prima si comporta in maniera identica ad Attacco Improvviso, ma funziona soltanto in attacco, diventando quindi una meccanica molto più aggressiva e che non si presta particolarmente bene ai blocchi. Sopraffare, invece, funziona esattamente come Travolgere in Magic, ma è molto più forte per un piccolo dettaglio: in Runeterra tutti i blocchi sono singoli, pertanto un’unità con Sopraffare ha molto più potenziale offensivo rispetto ad una creatura con Travolgere che può essere multibloccata.

Durante il combattimento, inoltre, una volta che verranno dichiarati attaccanti o bloccanti, se vi sono degli incantesimi che verranno lanciati, questi risolveranno prima dei danni. È questo il momento migliore per lanciare rimozioni e combat trick. Parlando di combat, rimozioni e trick…

Occhio dell’oracolo

Una delle funzioni più utili di Runeterra è quella dell’Occhio dell’Oracolo, che trovate a sinistra della board. Ogni volta che si aprirà, sarà possibile premerci sopra per vedere il risultato di un trick, di un blocco, un attacco e via dicendo. Prendiamo questo scenario:

Una volta spostate tutte le creature nella zona della combat, l’Occhio si aprirà e, se ci premiamo sopra, ci mostrerà questo:

Questo è il risultato dell’attacco data l’attuale situazione, ovvero prima che l’avversario decida di bloccare. Una volta che bloccherà l’Occhio si aprirà di nuovo, e ci mostrerà questo:

L’Occhio è una delle parti migliori di Runeterra, eliminando la necessità di fastidiosi calcoli mentali a favore di una visione di gioco più chiara, per questo il mio consiglio è di usarlo sempre quando si è in dubbio su qualcosa: non sapete cosa succederà quando lanciate un incantesimo? Mettetelo sulla pila e, prima di premere “Ok” cliccate sull’Occhio per vederne il risultato. L’avversario vi sta attaccando e volete essere sicuri di sopravvivere? Bloccate e, prima di confermare i blocchi, cliccate sull’Occhio per vedere quanti danni entreranno e quante creature moriranno. State attaccando con un sacco di unità e non sapete dove usare il vostro trick che dà Sopraffare? Usate l’occhio dopo i blocchi per capire dove far entrare più danni possibili.

Fidatevi, non solo l’Occhio è vostro amico, ma è un’innovazione così semplice ed elegante da parte di Runeterra che presto arriverete a sentirne la mancanza negli altri giochi.

Runeterra: Combat Phase

A differenza di Magic, dove la fase di combattimento succede tutta insieme, in Runeterra la combat si svolge da sinistra a destra. Sto dicendo questo perché è importante sfruttare questa meccanica il più possibile, se si vuole avere un vantaggio competitivo, e questo è fattibile attraverso un corretto ordine delle unità attaccanti. Prendiamo, ad esempio, questa situazione:

Il nostro avversario sta a 8 ed il suo 4/5 ha legame vitale, ma noi abbiamo un board pieno di Sfidanti, ovvero unità che possono costringere le unità dell’avversario a bloccare (riconoscibili dal segno con l’uncino). Se teniamo in considerazione che in Runeterra si muore non appena si raggiungono i 0 punti vita durante la combat, possiamo riuscire a vincere ordinando così gli attaccanti:

Come vedete, la sua creatura con legame vitale è stata disposta come ultima a infliggere danno, quindi tutte le nostre altre creature che si trovano a sinistra infliggeranno danno prima di essa. Il risultato è questo:

Saper sfruttare bene l’ordine degli attaccanti è vitale per riuscire a vincere partite che altrimenti sarebbero considerate perse. Vi sono alcuni campioni che infatti giovano moltissimo dell’ordine in cui vengono disposti durante la combat. Ad esempio Darius:

Delicato come un martello pneumatico, Darius sale di livello non appena vede che l’avversario ha 10 o meno punti vita. Prendiamo questo scenario:

Se mettiamo Darius come ultimo attaccante, potrà salire di livello durante la combat se le nostre altre creature riusciranno a portare l’avversario a 10. Ecco come blocca il nostro avversario:

Premendo sull’Occhio, possiamo vedere che Darius in questo modo riuscirà a livellare durante la combat, portando alla sconfitta dell’avversario:

Un consiglio, nel caso vogliate attaccare con più unità, potete tenere premuto sulla prima che volete mandare in combat e trascinare le altre nell’ordine preferito per poi spostarle sulla zona di combattimento.

Ultimi consigli

Quelli che vi ho elencato qua sono solo pochi consigli che spero vi torneranno utili per capire meglio Legends of Runeterra, dato che, proprio come Magic, si tratta di un gioco facile da capire ma difficile da padroneggiare. Ci sono molte altre cose di cui vorrei parlare, ma preferirei evitare di dilungarmi troppo e passare la parola a voi! Dareste consigli diversi ai novizi? Ci sono cose che fareste diversamente da come ho detto? O semplicemente, volete dire la vostra su Runeterra? Scaricatevi il gioco, che tanto è gratis, e fatemi sapere! Da FlyingV è tutto, alla prossima!

Di FlyingV

Editor-in-Chief della sezione Runeterra.