Buongiorno a tutti, io sono il vostro solito Flavio “Reflax” Pisani e dopo svariato tempo sono tornato a calcare i campi di battaglia di MTGA! Quindi sono qui per parlarvi un po’ di una mia ossessione: trovare una buona shell per Dimir Control!

Ma proprio Dimir?!

Ebbene si, ho il bruttissimo vizio di ADORARE Lazav e tutta la sua combriccola di allegri guasconi. Sarà che fu proprio Lazav, Dimir Mastermind la prima rara mitica sbustata su cui fondai un mio orribile mazzo commander, ma da allora, non riesco a smettere di ammirare questa combinazione di colori.

Che vantaggio può portarci giocare questa combinazione di colori rispetto a Esper o, che so, Azorious?! Innanzitutto ci tengo a dire che i veri player a cui piace sudarsi ogni vittoria rifiutano CATEGORICAMENTE di giocare Azorious, quella è una scelta da player molto più assennati che non vogliono sprecare il proprio tempo a far girare un mazzo clunky e che tanto alla fine morirà da un topdeck spesso autoannunciato DEBOLI.

Ashiok, Nightmare Muse by Chuck Lukacs

Ora, parlando con più rispetto dei nostri cugini che si affacciano alle sponde Esper possiamo dire che stiamo parlando di una concezione di control deck veramente molto differente.

Dimir, al contrario di Esper, si appoggia molto su una strategia draw-go e tende a portarsi in una posizione reattiva piuttosto che proattiva presentando minacce. Lo stile di mazzo che più si confà a voi vi porterà quindi a scegliere se appoggiare Lazav o Sharuum (se non sapete di chi sto parlando vergognatevi e poi andate a leggervi questi articoli sulla Lore di Mtg gentilmente offerti dal nostro Ansalonium, sponsor ufficiale dell’ Olio Scintillante da quando ne abbia memoria).

Dimir nel meta

La presenza che vede Dimir nel meta standard attuale è molto alta e principalmente dovuta alla versione Rogues (di cui credo parlerò prossimamente ma in Historic, giusto per un tocco più spicy al tutto, certo non sono Terlollo coi suoi articoli, però..) ma anche UB control si è ritagliato un posto di tutto rispetto come vediamo dal grafico qui sotto preso da MTG Data:

Stiamo parlando del 6,2% del meta che si porta dietro un positivo 51,5% di percentuale di vittorie. Non mi pare per niente male trattandosi tranquillamente di un Tier2 che in questo momento storico si rapporta con uno dei migliori Aggro deck degli ultimi anni come Gruul Aggro e con mazzi che possono permettersi con facilità di giocare The Great Henge.

Questing Beast by Igor Kieryluk

Come notate poi si parla dell’ unico mazzo presente a rappresentare la categoria draw-go, come dicevo poco sopra.

Ma come si posizione il nostro amato Dimir Yorion in questo meta pezzerello e pieno di creature pronte a schiaffeggiarti in ogni momento della giornata?! Meh..

Con questa espressione nota a tutti i giocatori di control che si apprestano a spiegare cosa ci sia che no va nella propria vita per scegliere il blu come colore principale da giocare intendo dire che si, in teoria il match-up di un mazzo pieno di removal come il nostro dovrebbe esser buono contro mazzi a base creatura che passano solamente dalla combat per vincere la partita, E INVECE…

Gruul Aggro ci schiaccia il 55% delle volte che ci trova, non una sfida invincibile ma dobbiamo impegnarci per sopravvivere a tutte le sue bestie rapide e i suoi artefatti leggendari. Insomma, al momento sperate di esser fortunati al dado e partire spesso per primi altrimenti rischiate che una bella Embercleave sui denti di quarto vi spedisca direttamente a casa a spulciare i raccoglitori nel buio in cerca di soluzioni al vostro dolore.

Dimir Rogues, la controparte “aggro” del popolo blu-nero (e no, non parlo dell’ Atalanta) pare essere tra i nostri peggiori match-up.

Contro tutti i mazzi che puntano a predare i Tier1 del formato ce la caviamo egregiamente invece, non temiamo per nulla i vari Temur e aggro che non siano RG e Esper Doom ci fa un baffo ( a meno che non lo piloti quel campioncino di Tian Fa Mun aka Upumpa89 , ma lui con quel mazzo ci vince gli SCG, quindi..)

Preparatevi provando molto il mazzo per il momento in cui si proverà a predare i tier deck e voi farete i triplo-giochisti arrivando a predare chi preda in un grandissimo giro di trappoloni predatori predanti. (Dovevo usare il tasto o “p”, tastiera nuova, era un test, scusate).

La decklist e le scelte

sono partito da..

Deck (80)
Ashiok, Nightmare Muse
Castle Vantress
Clearwater Pathway
Cling to Dust
Crawling Barrens
Eliminate
Elspeth’s Nightmare
Essence Scatter
Extinction Event
Fabled Passage
Heartless Act
Island
Jwari Disruption
Mazemind Tome
Negate
Neutralize
Omen of the Sea
Solemn Simulacrum
Swamp
Temple of Deceit
Atris, Oracle of Half-Truths
Ugin, the Spirit Dragon
Zagoth Triome
Sideboard (15)
Agonizing Remorse
Brazen Borrower
Elspeth’s Nightmare
Mystical Dispute
Shadows’ Verdict
Shark Typhoon
Soul Shatter
Yorion, Sky Nomad

..e son arrivato qui

Deck (80)
Ashiok, Nightmare Muse
Castle Vantress
Clearwater Pathway
Cling to Dust
Crawling Barrens
Field of Ruin
Eliminate
Elspeth’s Nightmare
Essence Scatter
Extinction Event
Fabled Passage
Heartless Act
Bloodchief’s Thirst
Island
Jwari Disruption
Mazemind Tome
Negate
Neutralize
Omen of the Sea
Shark Typhoon
Solemn Simulacrum
Swamp
Temple of Deceit
Thassa’s Intervention
Ugin, the Spirit Dragon
Zagoth Triome
Sideboard (15)
Brazen Borrower
Elspeth’s Nightmare
Mystical Dispute
Shadows’ Verdict
Shark Typhoon
Soul Shatter
Negate
Yorion, Sky Nomad

I cambiamenti non sono stati sostanziali ma, nel mio piaccolo mi hanno aiutato in molte situazioni main deck.

Mana base

Facile, veloce e intuibile. Tutte le terre che mi diano i colori Dimir possibili immaginabili e quattro terre colorless che molto difficilmente impatteranno sulla mia possibilità di lanciare delle spells.

La scelta di tagliare una copia di Crawling Barrens per un Field of Ruin potrebbe sembrarvi una chiara dichiarazione di guerra al “proviamo a chiudere sta partita” e in effetti e’ proprio così. La prima domanda che mi faccio quando seleziono questo mazzo per la ladder e’ “come non perdo?!” in seguito, molto più tardi arriva il momento in cui chiedersi come vincere.

A cavallo di questo reparto e del prossimo troviamo poi quattro copie di Jwari Disruption che alle volte funziona come Censor brutto e alle volte come Island brutta, a scelta.

Removal/Counters

Il motivo per cui giochiamo questo mazzo: annichilire tutti i progetti del nostro avversario e costringerlo ad ammettere la superiorità della Casata Dimir!

Siamo nei colori per poterci permettere il miglior mix di spot removal e hard counters, annoveriamo fra le scelte Neutralize, Negate, Bloodchief’s Thirst e Heartless Act. Inoltre abbiamo il secondo migliore mass removal del formato dopo Shatter the Sky e sto chiaramente parlando di Extinction Event.

Adoro adottare varietà nella scelta dei removal e ritengo essenziali delle valide spot kill spell per far morire sul nascere delle ripartenze da parte di mazzi aggro dopo un Extincion Event o uno Shadow’s Verdict.

Thassa’s Intervention non e’ stata una mia idea ma arriva da qualche lista presa sul webbe. Ammetto di essermi perso per lungo tempo l’ esistenza di questa carta che ora e’ diventata QUASI la mia preferita dopo Ashiok.

Creature

Che schifo! (Ma accetto quattro Solemn Simulacrum perché ci portano più vicini al nostro amato Ugin!)

Ho tagliato le copie di Atris trovandolo sempre sotto performante. Mi sembrava essere sempre la carta peggiore da pescare per come imposto i miei gameplay.

Ah beh, poi abbiamo Yorion, Sky Nomad ma più come scusa per giocare 80 carte senza vergogna che altro.

Chiusure

Mi pare ovvio – ma lo specifico per chi non ha come me Dimir nel cuore – che la prima chiusura del mazzo sia la disperazione mista noia del nostro avversario.

Se poi lui resiste a questo incredibile mix abbiamo i due planeswalker migliori del meta: Ashiok, Nightmare Muse e Ugin, the Spirit dragond.

Del fratello simpatico e incolore di Nicol bolas ho tagliato una copia a malincuore ma, ripeto, le chiusure in questo mazzo capitano, non si cercano.

Sideboard

Non vi porterò un side-plan, non credo sia una buona idea perché le quindici (in questo caso quattordici) carte che scegliamo per migliorare i nostri match-up post-side sono veramente molto legati alle nostre scelte personali.

Ugin, the Spirit Dragon – Raymond Swanland

Vi daro’ qualche consiglio gisto se iniziate da queste 95 carte, ma vi consiglio poi di lavorarci su fino a che no soddisferanno il vostro gusto personale.

Shadow’s Verdict, Borrower, Dispute ed Elspeth Nightmare sono ottime contro Rogues.

Se incrociate RG aggro privilegiate un game plan che si basa su removal spells più che su counter. Rimanere con del mana open e’ sicuramente bello ma alle volte avere un mass removal + uno spot removal e’ meglio che avere mass removal + counter che non potrete tirare e con cui non risolverete la creatura che arriverà il turno successivo. Neutralize in early game leggetelo come: “tappo 2 pesco”. Occhio, non tagliate tutti i Negate altrimenti rileggete le frasi su Embercleave e Henge a inizio articolo.

I mirror di control sono lunghissimi. Si gioca anche sul fattore tempo. Progettate le vostre azioni o risposte con due o più turni di anticipo preparandovi al peggio, non saltate mai land-drop e ricordatevi che se incrociate per sbaglio un Azorious player allora e’ il momento di dare tutto!

Alla fine basta divertirsi..

..per gli altri. Voi giocatori di Dimir invece dovete sforzarvi per portare gloria alla casata e sfarzo alla combinazione di colori migliore di sempre!

Di Flavio Pisani

TWITTER: https://twitter.com/PisaniFlavio IG: https://www.instagram.com/re_flax/?hl=it FB: https://www.facebook.com/flavio.pisani1